Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

La visita del Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma, Prof. Riccardo Di Segni

Il 10 dicembre, al Parco dei Principi, insieme agli amici del Rotary Club Roma Appia Antica, abbiamo avuto l’onore di avere come ospite il Rabbino Capo della Comunità ebraica di Roma, il Prof. Riccardo Di Segni, accompagnato dalla gentile consorte.

L’importante serata, momento centrale di quest’anno rotariano, in considerazione di ciò che il Prof. Di Segni, tra le massime autorità spirituali e morali del nostro Paese, rappresenta per la città di Roma e per la Comunità internazionale, è stata resa possibile grazie agli affettuosi uffici del Prof. Emanuele Calò, presente insieme alla moglie Claudia, e al PDG Roberto Scambelluri, socio del R.C. Appia Antica e personalità assai cara al nostro club.

Dopo gli emozionati saluti dei presidenti, Arnaldo Morace Pinelli e Francesco Mengucci, il Rabbino Capo ha preso la parola e trattato il tema “Prospettive delle religioni”, lumeggiando i punti di vicinanza e di diversità che hanno storicamente caratterizzato le tre grandi religioni monoteiste e ponendo l’accento sul fondamentale ruolo che le religioni oggi rivestono per la crescita morale delle società e lo sviluppo della persona umana.

La conviviale si è svolta nella massima cordialità e al suo spirare il Rabbino Capo ha risposto alle domande dei soci, sciogliendo i nodi più delicati del dibattito, che la sua profonda ed efficace relazione aveva alimentato.

A conclusione della serata i presidenti, a nome dei due club, hanno donato al Rabbino Capo una bella stampa settecentesca romana, di tema religioso («Il furto degli idoli»).

Ulteriori doni sono stati consegnati dal presidente del nostro Rotaract, Paolo Bianchi, e da Anna Notarantonio, che ha confezionato, con toccante semplicità, un significativo simbolo di pace universale.

Una serata veramente indimenticabile, illuminata dalla personalità del Prof. Di Segni, chiusa dal rintocco, quanto mai evocativo, della campana, che i due presidenti, accomunati da non comune sintonia, hanno voluto suonare insieme.

Il Rabbino Capo, con la Sua presenza, ci ha donato una grande gioia e di ciò gli siamo infinitamente grati.

 

Visite: 3100

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy cliccando sul pulsante INFO.